LE STANZE DI UNA VITA
Libri, manoscritti, fotografie

Apertura estiva e visite guidate nella casa museo di Marino Moretti
13 giugno - 13 settembre 1998, tutti i giorni dalle 16 alle 19, luglio e agosto anche dalle 20 alle 23

 

Marino Moretti La mostra estiva che Casa Moretti propone agli ospiti della Riviera nel 1998 è dedicata, come indica il titolo, ad illustrare la casa-museo, nella sua identità di «casa di scrittore» che attraverso i suoi caratteristici ambienti ed i materiali esposti consente di evidenziare una vicenda umana e letteraria e una trama di rapporti che attraversa l'intero Novecento letterario non solo italiano.

Una occasione, dunque, per provare l'emozione di entrare nel silenzio «narrante» della casa sul canale, dove riecheggiano ancora i versi e le pagine che lo scrittore, fedele alla tematica crepuscolare, le dedicò. Fra queste immagini, ritroviamo la vecchia cucina con «l'arola» e la «matra», le porte che cigolano, le vecchie stampe con dedica della «parete dell'amicizia", fino ad arrivare allo studio dove, accanto alla finestra da cui si vedono come allora le vele colorate dei trabaccoli, c'è lo scrittoio sul quale sono ancora allineati gli inchiostri, le penne e i pennini. Si esce infine nel giardino dove, con le dovute precauzioni è possibile fare visita alla ultracentenaria tartaruga Cunegonda, esempio unico di «bene culturale vivente».

Manoscritti dello scrittore, lettere degli amici, vecchie fotografie ingiallite, libri con dedica ci conducono all'interno delle «stanze di una vita», quella tutta intrisa di letteratura e d'arte di Marino Moretti, il poeta che portò immagini e sensazioni della «sua» Cesenatico in giro per il mondo.